Shabby chic lo stile di arredamento del momento

Lo stile shabby chic oggi è diventato uno degli stili d’arredamento più amati: il significato letterale è “trasandato chic” cioè all’apparenza uno stile un po’ disordinato e d’antan, ma invece molto curato nei dettagli e nei colori. E’ lo stile del momento e Crea la casa ti suggerisce le idee per realizzarlo al meglio.

Lo Shabby nasce negli anni ’80 come stile di arredamento incentrato sul recupero di vecchi oggetti a cui tirare fuori quel tipico e romantico aspetto vissuto: deve il suo nome alla designer e autrice Rachel Ashwell, vera e proprio guru in materia: “Il comfort, la bellezza dell’imperfezione, il fascino degli oggetti rovinati dal tempo uniti al piacere di una vita semplice e pratica: questi sono i fondamenti di ciò che oggi conosciamo come lo stile Shabby Chic”,

shabby-chic

sono le parole con cui l’ideatrice dello stile ne ha ben descritto l’essenza. In molti pensano sia uno stile nato negli USA, ma per trovare le origini dello stile shabby chic bisogna fare qualche passo indietro perché esso si ispira principalmente ad una tecnica decorativa chiamata decapè, nata nella Francia del XVIII secolo al tempo di Luigi XV.

Lo stile shabby è uno stile di arredamento caratterizzato dai colori chiari, regala luminosità ad ogni ambiente ed infonde allo spazio circostante quel senso di armonia con la natura: il mobile ridipinto lascia intravedere il colore sottostante del legno naturale, il tempo e l’usura regalano quella patina speciale che rende ogni pezzo unico. I “segni” creati da mani esperte, come fosse il tempo ad avergliele conferite, donano quell’aspetto vissuto e trasandato e sono una firma inconfondibile di questo stile.

Quando si vuole arredare una casa in stile shabby chic si deve curare non solo il mobilio, ma anche quei complementi d’arredo come tende, tappeti, copriletto, carte da parati, lampadari ecc. che creano un’armonia nel loro insieme. Perfino i colori alle pareti sono fondamentali: tutto sembra essere messo lì per caso invece, dietro la disposizione degli oggetti, c’è un attento studio che esalta la semplicità e crea un effetto romantico e luminoso.

Oltre ad essere uno stile d’arredo, lo shabby chic è anche una filosofia del riciclo e del recupero, dove il segreto sta nel saper unire il vecchio al nuovo, mescolando sapientemente – e senza troppe precise rifiniture – la storia con il presente.

shabbych_foto1

La prima cosa da definire sono i colori: contraddistinguono questo stile quelli chiari come il beige, l’avorio, il grigio chiaro, il bianco e le tinte pastello, ma l’importante è che la tecnica con cui si ridipingono arredi e pareti non sia la pennellata liscia e a tinta unita, ma che dia l’ effetto “vissuto recuperato” con piccole crepe (esiste una speciale tecnica di pittura che le simula detta craquelè) e le tracce di vernice scrostata dal legno. Materiali di riciclo insomma o opportunamente anticati, per un risultato old-fashioned, che sia un mix tra stile provenzale, quello british e uno stile retrò.

shabbych_foto2

I materiali tipici di questo stile sono quelli il più possibile naturali: legno, pietra e cotto per le superfici, abbinati a lino, canapa e cotone naturale per i tessuti ancora meglio se prevale il bianco.

shabbych_foto3

Tra gli elementi d’arredo dello stile shabby chic ci sono i cuscini nel soggiorno/salone e in cucina oggetti, come piatti o vasi, di vari colori o a fantasie fiorate o addirittura con pizzi e merletti e utensili di latta da tenere esposti tra fiori come rose e camelie o lavanda. Le rose e i fiori in generale creano atmosfere romantiche anche quando questi sono semplicemente dipinti sulle porcellane (tazze o piatti).

shabbych_foto4

Sono i dettagli che in un ambiente fanno la differenza e questa regola vale per qualsiasi stile: in un ambiente shabby chic è indicato per esempio creare un piccolo angolo per la coltivazione delle piante aromatiche, oppure disporre una bella cesta di frutta o di uova fresche sulla credenza, o sistemare piccoli mazzi di fiori di campo e il tocco retrò è assicurato!

shabbych_foto5

I vari ambienti della casa possono trasformarsi completamente secondo lo stile shabby chic, o semplicemente accoglierne qualche dettaglio, a seconda dei nostri gusti. Crea la casa ti suggerisce qualche idea, ma l’importante è coglierne l’essenza e trasferirla alla propria casa attraverso la personale interpretazione di ciascuno.

shabbych_foto6

Il soggiorno può avere un’aria shabby chic appendendo alle pareti quadri dal tema bucolico: fiori, frutta, paesaggi, e addirittura, se avete la vena artistica, potete anche dipingere un’intera parete con un murales a tema; anche i vecchi mobili da giardino in ferro battuto possono essere riciclati per gli interni: quindi spazio a vecchie tavole, tavolini e sedie. Se avete un divano tradizionale, invece, potete rivestirlo con un tessuto con una delicata fantasia floreale, possibilmente dall’effetto usato, oppure con un tessuto grezzo bianco: completatelo con una grande quantità di cuscini in percalle, pizzo, frange fatte all’uncinetto. Su tavoli e tavolini, mensole o consolle non devono mancare vecchie cornici d’argento, con le foto della vostra famiglia.

shabbych_foto7

Il bagno è la stanza prediletta per chi ama lo stile shabby chic: ispiratevi all’art decò oppure all’interno di un faro, arredate questa stanza quasi come fosse un piccolo salotto privato, con uno specchio retrò, una vasca da bagno con i piedini, stampe antiche di marine e, se lo spazio lo consente, una poltroncina in stoffa chiara o di ferro battuto e una specchiera piena di vasetti per le creme.

shabbych_foto8

La cucina in stile Shabby chic è fatta di un mix di pezzi vintage, mobili funzionali più tanti accessori decorativi, da appendere alle pareti o da mettere sui vari ripiani. Se siete in possesso di un vecchio servizio di piatti in porcellana, mettetelo in bella mostra in una credenza dagli sportelli a vetro, mentre non possono mancare tovaglie e centrini di pizzo. Per l’illuminazione calda e accogliente di ogni momento di condivisione, utilizzate un lampadario in ferro battuto, più la luce di tante candele. Alle pareti ancora stampe floreali dai toni chiari, vecchie insegne di pub o bistrot, ma se avete ereditato qualche vecchio merletto delle nonne, il massimo è incorniciarlo ed appenderlo! Completate con vasi bianchi o in vetro ricolmi di fiori freschi di campo.

shabbych_foto9

La camera da letto è dominata da un bel letto con la testata ricavata da una vecchia porta in legno o un’anta in ferro battuto ma non solo: qualsiasi oggetto originale e, soprattutto, riciclato da una vecchia casa, può diventare una perfetta decorazione in stile Shabby Chic per la testata del letto. La coperta perfetta per un letto di questo tipo è il tipico copriletto patchwork, magari realizzato che con la vecchia biancheria stampata. Perfetto anche un tessuto matelassè o una trapunta ricamata a mano acquistata in un mercatino dell’usato. Da posizionare ai piedi del letto, una bella cassapanca per la biancheria, ricoperta di cuscini: infatti i cuscini, in grande quantità, non devono mancare nella vostra camera da letto! Per l’arredo, evitate i mobili coordinati e optate per pezzi diversi da accostare in armonia: un antico comò da bagno come comodino, o un vecchio armadio di metallo, verniciato in colori pastello… adesso sta a voi sbizzarrire la propria immaginazione!

shabbych_foto10

Link utili…

…per le ispirazioni shabby chic…

www.arredamentoshabby.it

www.arredamentoprovenzale.net

…e per gli acquisti…

 www.etsy.com

 www.faggianis.it

 www.langolodiprovenza.it

 www.labacheca-arredamenti.it

 www.maisonsdumonde.com/

Se avete trovato l’idea che fa per voi o volete suggerirne di nuove, fatecelo sapere scrivendo a :

 info@crealacasa.it

 design@crealacasa.it

Seguici

Crea la casa

Crea la casa è il Blog dei suggerimenti per la casa, qui troverai spunti e suggerimenti utili in vari campi del settore casa.
Crea la casa
Seguici
2 commenti
  1. Anna Pastore dice:

    Ciao, molto bello l’articolo che avete scritto. Mi occupo di questo stile da anni, ne curo tutti i particolari e devo dire che ne avete parlato con competenza e serietà. Sono consigli utili che possono aiutare chiunque non conosce bene questo stile ma ha desiderio di avvicinarsi.
    Grazie

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *