Piani cucina: Crea la casa ti aiuta a scegliere i materiali del top più adatto a te!

I piani cucina sono da sempre uno degli elementi fondamentali per l’arredo della nostra cucina. La cucina è infatti uno degli ambienti della nostra casa che viviamo di più durante l’arco della giornata: è per questo che deve essere pratica ed, al tempo stesso, perfetta per i propri gusti!

piani da lavoro della cucina o piani cucina sono elementi fondamentali: tempo fa non c’era una grande scelta, il granito sembrava essere l’unica soluzione per il top della cucina.

Adesso la scelta è invece molto più complessa in quanto entrano in gioco tanti fattori: l’estetica ed il design devono fondersi con altre fondamentali caratteristiche quali la praticità, la resistenza e la funzionalità. Esistono svariate tipologie, si spazia dal classico laminato alla ricchissima gamma di pietre, passando per corian, cemento, vetro e acciaio in modo da soddisfare lo stile di cucine moderne, contemporanee o classiche ed integrarsi armonicamente con i mobili della cucina.

Quali sono i nuovi materiali e le ultime tendenze per i Piani cucina? Scopriamolo insieme!

1) il quarzo: Uno dei materiali più utilizzati in quanto resistente ed al tempo stesso anche elegante per la cucina. Questo tipo di top cucina è composto dal 95% di quarzo naturale, integrato con resine e pigmenti ossidi utilizzati per correggerne caratteristiche e aspetto. Il quarzo è un materiale estremamente durevole ed è facilmente pulibile semplicemente con acqua e sapone. Disponibile in una grande varietà di colori (esempio ne è l’Okite), è un connubio perfetto tra praticità ed estetica.

DIFETTO: non risulta essere tanto resistente al calore.

Piani cucina

2) il cemento: una soluzione moderna in quanto i top in cemento risultano essere resistenti, anche al calore, antigraffio ed inoltre hanno la possibilità di adattarsi ai diversi tipi di cucina, sia come forma che come consistenza .

DIFETTO: oltre il peso notevole, in alcuni casi, il piano in cemento potrebbe essere difficile da pulire e più sensibile alle macchie rendendo visibili, nel tempo, antiestetici aloni. 

 

3) il vetro: ideale in cucine moderne, i top in vetro sono resistenti al calore, non si macchiano facilmente ed inoltre si puliscono velocemente (anche se si sporcano con la stessa velocità..!), oltre ad essere esteticamente molto belli.

DIFETTO: il vetro resta un materiale fragile, che si può rompere o anche solo scheggiare con la caduta di qualche oggetto su di esso.

foto 3

4) l’acciaio inox: da sempre risulta essere un materiale molto resistente sia alle macchie che al calore; inoltre, trattandosi di una superficie pressoché liscia è anche facilmente pulibile anche se, come il vetro, rende visibile qualsiasi alone o impronta. Uno degli aspetti migliori di questi top per cucine risiede, oltre ad essere indistruttibili, anche nella facilità con cui possono essere integrati lavelli e piani cottura, che vengono agevolmente saldati senza punti di giunzione visibili. Ideali per cucine moderne dal look minimale.

DIFETTO: facilmente soggetto ad ammaccature e graffi. 

 

 5) la pietra lavica: materiale molto di moda negli ultimi anni in quanto risulta essere molto resistente alle macchie, ai graffi ed anche al calore.

DIFETTO: molto costoso

6) il corian: ricavato da una miscela di minerali naturali, pigmenti e polimeri acrilici, brevettata daDuPont più di trenta anni fa e che ha straordinarie proprietà di resistenza e di flessibilità.  Risulta facilmente pulibile, in quanto liscio e privo di porosità, e può adattarsi ai diversi tipi di cucine con le forme più diverse e particolari, adattandosi perfettamente, grazie anche alla vasta gamma di colori e finiture disponibili, sia agli ambienti classici che a quelli moderni.

DIFETTO: risulta essere comunque più delicato di un top in marmo o in pietra ma comunque costoso.

foto 6

7) il laminato: materiale estremamente versatile, ha il vantaggio di essere sia  idrorepellente che resistente agli urti, ai graffi e alle abrasioni, imitando l’estetica di un grande numero di materiali come il legno, la pietra naturale e una grande gamma di colori. Offre un ottimo rapporto qualità/prezzo.

DIFETTO: scarsa resistenza al calore e non hanno la durata nel tempo e la consistenza, ad esempio, del granito.

foto 7

8) il marmo ed il granito: i piani di lavoro in marmo sono apprezzati soprattutto per caratteristiche estetiche inimitabili, grazie a inconfondibili diversificazioni cromatiche, ma non sono altrettanto popolari come prezzi. Quali sono le differenze tra piani cucina in marmo e in granito?  Principalmente un top cucina in granito è più resistente e longevo, mentre un piani cucina in marmo è più pregiato ma meno resistente all’umidità. I piani cucina in marmo si sposano perfettamente con un arredo in legno per un design classico e di pregio. Igienico, in quanto facile da pulire.

DIFETTO: IL COSTO! 

foto 8

Qual è il piano lavoro ideale per la mia cucina?

Come sceglier il miglior top per la tua cucina? Dipende da tanti fattori. Parti principalmente dal budget ma presta attenzione a quale materiale sarebbe più indicato a una cucina moderna, una cucina classica o una cucina contemporanea.

Il passo successivo è chiedersi: quale grado di cura e attenzione presteremo ai nostri mobili cucina? Quanto tempo possiamo dedicare alla pulizia? Piani lavoro in laminato o quarzo sono sicuramente meno impegnativi ma top cucina ricavati con materiali naturali come Marmo e Granito sono gli unici in grado di conferire un tocco di prestigio autentico a modelli di cucine classiche, cucine rustiche o country. Aspetto, prezzo, durabilità.

Questi i principali fattori da tenere in considerazione. Il consiglio di un architetto o di un esperto di cucine è comunque il modo migliore per fugare ogni dubbio, trovare la giusta soluzione alla tua cucina ed anche prendere in considerazione nuovi spunti per il tuo arredo.

Seguici

Crea la casa

Crea la casa è il Blog dei suggerimenti per la casa, qui troverai spunti e suggerimenti utili in vari campi del settore casa.
Crea la casa
Seguici
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *