Il FENG SHUI e la tua casa

Ecco un argomento che invita a considerare l’abitare come una ricerca della sintonia con l’ambiente che ci circonda e ad uno stile di vita più sano e vicino alle nostre esigenze. Progettare e arredare una casa secondo il feng shui è un modo nuovo per vivere i propri spazi secondo un pieno orientamento al benessere interiore e del corpo.

feng shui

Nonostante le lontane origini di questa complessa disciplina, giunta a noi dalla Cina nel secolo scorso, oggi essa è stata adattata allo stile di vita moderno ed è orientata ad armonizzare gli ambienti interni ed esterni, affinché chi abita la casa ne tragga vitalità, energie positive e serenità: pensare ad una casa feng shui significa ottimizzare gli ambienti per raggiungere una alta qualità della vita di chi li occupa.

Ma come si applicano gli antichi principi del feng shui alle abitazioni moderne?
Il giusto approccio per la progettazione di una casa secondo le regole del feng shui è dato da una analisi precedente l’intervento, atta ad individuare le aspettative, abitudini, attitudini e stile di vita di chi deve abitare gli spazi in questione. Contemporaneamente, poi, è importante anche esplorare i fattori esterni ed ambientali quali orientamento, posizione del sole, presenza di corsi d’acqua o rilievi, pendenza del terreno su cui sorge lo stabile, posizione dell’accesso.

Lo studio di questi fattori e la sinergia che tra essi si crea, serve proprio a progettare una soluzione spaziale in cui l’energia positiva fluisca con armonia, apportando agli stessi vitalità e benessere. E’ chiaro che la progettazione in nome delle esigenze di chi abita la casa e il suo rapporto con la natura e lo spazio circostante offre un valore aggiunto al lavoro dell’architetto che, oltre a sviluppare un’idea a misura d’uomo contraria al puro aspetto materiale, garantisce un pieno appagamento del moderno abitare.

In una casa già esistente, quindi, si possono fare degli interventi mirati che possano influire su chi la abita in maniera più che positiva: cambiare colore ad una parete, inserire un angolo verde, intervenendo sulla disposizione dei mobili già basta per ottenere un piccolo miglioramento, l’importante è cominciare sempre da quegli ambienti dove l’inquilino trascorre maggior tempo durante la giornata.

Ecco qualche esempio pratico. In generale, scegliete sempre forme regolari: quadrati e rettangoli , da preferire a triangoli o cerchi.  La porta d’ingresso é come la bocca nel corpo umano e possibilmente, non deve essere di fronte a specchi, bagni , muri ad angoli o colonne. Il suo colore dipende dalla posizione: rosso a sud, blu a nord, verde ad est e bianco ad ovest. In un salone il divano deve essere rivolto verso la porta d’entrata, per dare sensazione d’accoglienza e ospitalità e posto vicino ad una parete, per offrire un senso di protezione. In camera da letto il letto non deve essere posizionato con i piedi in direzione della porta –  perché la porta deve essere lontana dallo sguardo mentre si cerca di prendere sonno – e deve avere un muro dietro la testiera. Il bagno deve essere ordinato ed essenziale, con il minor numero di oggetti o piante.

Fondamentale l’uso dei colori delle pareti: in salotto vanno bene il rosso o l’arancione per facilitare la conversazione in famiglia o tra gli amici; in camera da letto si può scegliere tra blu e verde per agevolare il relax e il sonno, oppure rosa per accendere romanticismo e la passione. In cucina il giallo carico stimola l’appetito e la circolazione dell’energia; i corridoi, in genere lunghi e stretti, vanno colorati di bianco e illuminati.

Come per la medicina cinese, anche per il feng shui vale il principio secondo il quale attivando flussi energetici positivi si può migliorare il benessere psicofisico alla base: per ottenere risultati, ovviamente, consigliamo di affidarsi ad esperti del settore che abbiano una conoscenza profonda della disciplina.

Ecco qualche titolo di pubblicazioni per saperne di più…

– Feng shui. Impostare la propria casa e la propria esistenza sui principi orientali dell’armonia, di Quian Jie, L’Airone Editrice Roma, su www.ibs.it ;

– Space clearing. 168 tecniche di feng shui per eliminare il disordine dalla tua casa e dalle tue emozioni, di Lilian Too, Il Punto d’Incontro Editore, su www.ibs.it ;

– Apartment therapy. Come portare equilibrio, salute e benessere nei propri spazi, di M. Gillingham-Ryan  K. Prando, Il Punto d’Incontro Editore, su www.amazon.it ;

– Feng shui. L’arte di creare ambienti accoglienti e salutari, di G. Sator, Red Edizioni, su www.lafeltrinelli.it

…e ancora…qualche indirizzo utile…

www.fengshui.it

www.mondofengshui.com

www.creativefengshui.it

Per info e consulenze sull’argomento, contattaci agli indirizzi:

info@crealacasa.it

lifestyle@crealacasa.it

Seguici

Crea la casa

Crea la casa è il Blog dei suggerimenti per la casa, qui troverai spunti e suggerimenti utili in vari campi del settore casa.
Crea la casa
Seguici
4 commenti
  1. Lorenzo dice:

    Buongiorno,
    ho letto con interesse il vostro post sul Feng Shui ed essendo la prima volta che ne sentivo parlare, mi ha fatto nascere una curiosità: apprezzando molto i tappeti, mi chiedo se la presenza di questi elementi possa in qualche modo bloccare i flussi di energia di cui si parla. Come dovrei disporli?
    Grazie, Lorenzo.

    Rispondi
    • Crealacasa dice:

      Caro Lorenzo, grazie per averci scritto. Nel Feng Shui anche il tappeto è un elemento molto importante che può essere impiegato con molteplici funzioni, purchè sia sempre in armonia con i colori dell’ambiente in cui si colloca.

      Ad esempio, posto all’ingresso, il tappeto accoglie chi entra, ma in altre stanze può riscaldare il pavimento, può delineare delle aree o attutire le irregolarità del pavimento, può abbellire e rendere più gradevole lo spazio circostante: la funzione principale di questo elemento, comunque, dev’essere di offrire ai sensi di chi occupa l’ambiente un messaggio di armonia.

      Rispondi
  2. gisella dice:

    A proposito della filosofia Feng Shui in casa, come posso regolarmi rispetto ad elementi preesistenti, quali le finestre? Attendo una vostra risposta, Gisella.

    Rispondi
    • Crealacasa dice:

      Ciao Gisella, in effetti può capitare di trovarsi in un appartamento che non rispetta del tutto le teorie del Feng Shui, ma si può risolvere il problema attraverso una serie di accorgimenti pratici. La circolazione dell’aria è importantissima e, ovviamente, le aperture di una casa devono garantire quest’ultima. Le finestre, secondo il Feng Shuidovrebbero mai stare davanti ad una porta e non dovrebbero mai esserci più di tre finestre per ogni porta. Spalancare gli infissi almeno una volta a settimana serve a far uscire l’energia negativa e far entrare quella positiva; le finestre, infatti, non vanno mai aperte per metà, per evitare dare una visione distorta della realtà.

      Gli infissi nelle stanze delle persone anziane devono rivolgersi ad ovest, mentre nelle camere dei bambini le finestre dovrebbero essere rivolte verso est in modo che essi possano godere di tutta l’energia del sole. In camera da letto, il letto non dovrebbe mai essere posto sotto una finestra o tra una finestra e la porta, perché l’energia che entra dagli infissi esce velocemente da un’altra apertura e chi si trova tra le due aperture potrebbe trovarsi a disagio. Infine, nel salotto il televisore non andrebbe posto davanti a delle finestre – in quanto superficie riflettente, e questo non solo per il Feng Shui, ma logicamente per evitare i fastidiosi riflessi della luce.

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *