Il lettino per il tuo bambino:Crea la casa ti aiuta nella scelta giusta

Sia per il bambino che per la sua mamma il passaggio dalla culla al lettino è una fase fondamentale della crescita: Crea la casa ti aiuta ad affrontare questo passaggio obbligato con la scelta giusta, pensata per le diverse esigenze.

il lettino per il tuo bambino

Come scegliere il lettino per il tuo bambino?

Ad esempio, il metodo Montessori prevede che misure ed altezze dei lettini siano a misura di bambino, così da ispirare autonomia nei piccoli, che dai due anni diventano più indipendenti ed acquistano sempre più sicurezza in se stessi: scendere e salire dal lettino senza dipendere da altri aiutano il bambino a raggiungere l’indipendenza e la del sé.

lettbaby_2

La giusta scelta del lettino è molto importante per la crescita del  bambino, ma il lettino è anche un elemento d’arredo necessario che può avere molteplici proposte, a seconda delle abitudini e anche dei gusti personali.

lettbaby_3

Per lettino si intende una versione ridotta, con una lunghezza di circa 160 cm, adatto ad una fascia di età tra 2 e 7-8 anni. Anche la distanza da terra è importante: i lettini sono posti a circa 20-30cm dal pavimento, consentendo allo stesso tempo movimenti semplici per alzarsi e sedersi e la diminuzione del rischio di farsi male in caso di cadute.

lettbaby_4

Il primo passaggio è l’eliminazione delle sbarre: il bambino già verso i due anni è in grado di muoversi in libertà, senza più la necessità di dipendere dai genitori per entrare e uscire dal letto; per evitare cadute rovinose, si può iniziare con cuscini riduttori o sponde rimovibili che fanno sentire più raccolto il bambino, offrono la possibilità di acquisire maggiore sicurezza in uno spazio comunque ristretto e possono essere modificabili ed adattabili nel tempo.

lettbaby_5

Infine, scelta non meno importante è quella del materasso per il lettino: in genere quelli per i bambini sono più bassi, ma ci si deve ricordare che un buon ap
poggio è fondamentale per il riposo e per una corretta postura. Tra i materassi più diffusi negli ultimi anni c’é quello in pula di farro: questo materiale é il più consigliato perché si adatta alla forma e alla posizione del corpo del bambino,  mantiene la temperatura corporea costante ed impedisce la sudorazione.

lettbaby_6

Link utili

http://www.mondocamerette.it/

http://www.liveincamerette.it/

http://www.lecamerette.it/

http://www.meka.it/it/saldi/camerette.html

Mobili fantasma:quando l’arredo si fa trasparente

Halloween è alle porte e in tema di fantasmi , Crea la casa prova a suggerirvi qualche idea in fatto di arredamento trasparente! Oggi vi aiuteremo ad  utilizzare le trasparenze dei complementi d’arredo e creare un’immagine diversa degli ambienti della vostra casa, da applicare a qualsiasi stile.

foto1_arredfantasma

Infatti, i materiali trasparenti  (vetro o cristallo, plexiglass, pvc trasparente)si utilizzano per la realizzazione di oggetti d’arredo che regalano leggerezza all’ambiente, catturando la luce naturale senza bloccarne il flusso, ed evitando di appesantirlo. I designers prediligono forme lineari ed essenziali, neutre e non impegnative, che riescano ad integrarsi ed abbinarsi perfettamente con qualsiasi tipologia di arredamento.

foto2_arredfantasma

Vediamo come applicare questi suggerimenti ai diversi ambienti della casa:

 In camera da letto il pvc trasparente è l’ideale per le abat jours e per il lampadario

foto3_arredfantasma

maggiore originalità è data dalla scelta della struttura sottostante e di appoggio del letto matrimoniale: optare per una soluzione contornata da specchi o in plexiglass trasparente, vi farà sembrare quasi di dormire sopra un qualcosa di indefinito e sospeso nello spazio. Potrete completare l’opera scegliendo lenzuola, cuscini, piumoni, coperte e copriletto in colorazioni bianche o argentate.

foto4_arredfantasma

Nella zona giorno, potete provare a posizionare un tavolo di cristallo vicino ad una parete colorata con colori caldi ed accesi: rosso, arancio, viola. Questo accorgimento valorizzerà altri elementi presenti nella stanza.

foto6_arredfantasma

Allo stesso modo, un piccolo tavolo trasparente davanti ad un divano a tinte forti creerà subito un notevole effetto estetico che passerà inosservato.

foto5_arredfantasma

In cucina si può ottenere lo stesso effetto con un tavolo di vetro colorato, contornato da sedie in policarbonato trasparente con design neo Barocco o iper moderno. Sono pezzi che si trovano in commercio ad un prezzo generalmente accessibile poiché ottenute con materiali economici. In alternativa, potete scegliere per un gioco di riflessi abbinando un tavolo con piano d’appoggio in vetro lucido, per infondere alla zona cibo un irresistibile tocco elegante e moderno.

foto7_arredfantasma

Non resta che scatenare la propria fantasia: i complementi d’arredo in materiali trasparenti – bianchi o colorati – si trovano sia sui cataloghi dei maggiori produttori di oggetti di design, sia tra le offerte delle grandi catene di arredamento low cost e sono a portata di tutte le tasche.

http://www.cassina.com/

http://www.kartell.com/it/

http://www.lavorazione-plexiglass.net

http://www.lalucedelfuturo.com

http://www.italplastik.biz/

La cameretta dei bambini: come progettarla e come arredarla.

Per progettare ed arredare una stanza per bambini, in maniera da non doverla cambiare o rinnovare ogni due anni,  seguendo quindi la  crescita del piccolo, sarebbe  bene scegliere arredi che si adattino alle esigenze di chi la occupa nel corso del tempo.

cameretta1_ikea

I principali obiettivi da tener presente nella progettazione dell’ambiente cameretta e nella scelta dell’arredo sono pochi  e ben definiti:

  • I bambini hanno bisogno dell’essenziale, di spazi circoscritti, di angoli da sentire come propri, della vicinanza dei grandi;
  • La cameretta dei bambini deve essere un luogo accogliente, pensato anche da loro: è importante progettare gli spazi e scegliere come arredarli seguendo i loro suggerimenti, i loro desideri e le loro fantasie; niente sarà più piacevole di abitare la cameretta dei propri sogni. Inoltre, ciò darà forza alla loro autostima, in quanto dare valore alla loro opinione insegnerà ai piccoli la forza delle proprie idee;
  • Obiettivo finale è quello di realizzare un ambiente colorato, divertente ma funzionale, dove ci si possa giocare in sicurezza, dormire tranquilli e studiare bene: le giuste altezze di mobili e letto e una buona illuminazione, mobili con materiali naturali e vernici atossiche per le pareti, eliminazione di spigoli pericolosi, elementi facili da spostare per una pulizia approfondita che scongiuri allergie, sono quei piccoli accorgimenti che contribuiscono a fare della cameretta di un bambino il luogo dove sentirsi  sempre a proprio agio.

Se la cameretta destinata al bambino ha uno spazio ridotto, si potrà ricorrere a soluzioni di arredo particolari: si può posizionare il letto ad un livello superiore raggiungibile con una scala, in modo da poter posizionare sotto una scrivania o la zona gioco; così si distinguerà, in maniera pratica e funzionale, la zona notte da quella studio/giorno all’ interno della cameretta stessa. In questo caso, però, va valutata anche la questione sicurezza, oltre alla funzionalità, e se il bambino è pronto per una soluzione del genere. In alternativa, esistono i letti a scomparsa, quelli ribaltabili e molte altre soluzioni che lasciano spazio durante il giorno, per ripristinare l’area notte solo al momento di andare a dormire.

cameretta2

La luce del giorno è essenziale per leggere e studiare. Gli spazi luminosi hanno un effetto positivo sui bambini.: scegliete, quindi, colori chiari e pastello per le pareti, tende leggere, arredi in tinte neutre che non tolgono luminosità all’ambiente.

Non sottovalutate l’importanza di lasciare nella camera degli spazi liberi da arredi dove i bambini possono giocare e della presenza di un tappeto che ne completa l’arredo e che consente di poter giocare seduti a terra anche d’inverno.

camerett3_ikea

Per arredare la cameretta dei bambini con prodotti naturali, ma che siano al tempo stesso originali e colorati, è importante informarvi sui prodotti che scegliete, acquistando mobili in linea con le norme UE o di marchi ecologici come Natureplus, Blauer Engel o Oecoplan. Le offerte attuali in commercio sono molteplici e per tutte le tasche: oggi gli arredamenti che «crescono» insieme ai bambini. Le dimensioni del letto possono essere adeguate alle esigenze e all’altezza del bambino, sistemi di scrivanie e sedie che possono essere regolati in altezza e adeguati ergonomicamente alla corporatura del bambino durante la crescita: i mobili ergonomici per la stanza di bambini e ragazzi contribuiscono a un sano sviluppo della corporatura. Infine, si può anche pensare di rivolgersi ad un bravo artigiano che realizzi le idee più creative che il la fantasia del bambino ci suggerisce.

camerett4

Per decorare le pareti si possono attaccare semplici adesivi con i soggetti dei cartoni animati preferiti dal bambino o creare dei paesaggi ameni,  oppure dare libero sfogo alla loro fantasia lasciando una parete a disposizione dei piccoli rivestendola di pittura ad effetto lavagna.

Infine, non dimenticate una mensola dove riporre qualche libro – magari quelli della notte, per i più piccoli e una poltrona o un’altra seduta per il genitore che accompagnerà il bambino a dormire, assieme ad una lampada a luce calda e tenue: così la lettura di qualche pagina prima della buona notte diventerà un rituale irrinunciabile e familiare che rinsalderà il legame bambino/genitore, diventando un’abitudine da conservare durante la crescita.

camerett5

Tutti questi consigli funzioneranno solo se saprete metterli in pratica tenendo presente la personalità di chi abita la cameretta: non dimenticatelo mai!

Link utili:

www.martin-pescatore.it/lettini.html

www.martin-pescatore.it/librerie.html

cdn.we-boost.net/alicetv/uploads/sites/14/2015/02/COLOMBINI.jpg

www.mondoconv.it/Arredamento/Camerette/Per-bambini/

www.ikea.it

www.liveincamerette.it/

www.lecamerette.it/

www.tidy-books.it/

www.leostickers.com/

www.stikid.com/

www.toctocshop.com/camera-da-letto

Le tende il dettaglio che fa la differenza in casa

Quante volte vi è capitato di entrare in un appartamento in cui non ci siano le tende ed avere l’impressione che risultasse spoglio? Ebbene si:  le tende sono il dettaglio che fa la differenza in una casa, rendendola più accogliente e colorata e personalizzandola secondo il proprio gusto, donandole completezza e stile.

Le tende sono un complemento di arredo che modificano gli ambienti di una casa e, pur essendo solo un dettaglio, bisogna sempre tenere presente che il colore ed il tipo scelti non possono prescindere dal resto dell’arredamento, così come dallo stile che si vuole dare all’appartamento..

Con le tende bianche non si sbaglia mai: semplici, tradizionali ed al tempo stesso sempre eleganti, rendono l’ambiente molto più luminoso lasciando passare la luce.

le -tende-il-dettaglio - che- fa- la- differenza- in - casa

In alternativa,  fa piacere scegliere le tende in modo da dare un tocco di colore all’ambiente, magari richiamando il colore del divano se si tratta del salotto, del letto in una camera da letto o di quell’unica parete che avete voluto tinteggiare di una tonalità diversa dal resto della stanza.

Decidere di mettere tende colorate a tutte le finestre o ai balconi della casa é una decisione  coraggiosa che a lungo tempo può stancare: si potrebbe quindi decidere di usare comunque tende bianche, ma con delle discese laterali del colore che avete scelto. L’importante é che il colore scelto per accostarsi al bianco sia ripreso in qualche altro arredo e/o dettaglio della stanza o dell’appartamento, come ad esempio nel divano o anche solo nei cuscini o in un tappeto.

foto2_tende

Nello scegliere le tende in casa, è bene badare ai colori per differenziare gli ambienti e dare ad ognuno di questi la giusta atmosfera, senza sottovalutare però la scelta del tessuto: più leggero sarà, maggiore sarà la luminosità della stanza. Quindi le tende devono filtrare la luce ma non oscurarla per non rendere la stanza buia e di conseguenza la fanno apparire più piccola di quello che è.

Tende in materiali come la seta, i rasi e i broccati sono adatte ad ambienti classici ed eleganti per i quali é preferibile prediligere un tendaggio particolare, ma potreste correre il rischio di appesantire molto l’ambiente, ricordatevi pertanto quanto detto sopra: perché non optare per delle discese laterali di questo tessuto, invece del total color?

A seconda del tessuto che scegliete per le tende, potete decidere di montare le tende su binario o su bastone: quest’ultima opzione, che é la tipologia di montaggio più classica, può essere in legno o in metallo, come l’ottone e il ferro battuto, e garantisce un’estetica raffinata.  La scelta del tessuto fa la differenza, ma in ambienti con arredamento classico, si può anche preferire di coprire il bastone o il binario con un drappeggio di circa 50cm dello stesso colore e/o ricamo delle discese laterali delle tende o in mancanza di queste dello stesso tessuto del copriletto o dei cuscini del divano.

foto3_tende

foto4_tende

Altra soluzione sicuramente adatta agli ambienti più moderni, più facile da adottare qualora si stia ristrutturando casa, é nascondere il binario all’interno del cartongesso del soffitto che presenterà quindi un taglio creato apposta, e quindi delle giuste dimensioni.

Infine, una valida ed originale soluzione per il montaggio delle tende, può essere quella di ricorrere ad un doppio bastone per alternare su due livelli una tenda più pesante ad una leggera e non oscurante, dando vita così ad abbinamenti creativi.

Le altre tipologie di tende:

a pannello, per puntare più alla funzionalità che all’arredo, ma adattissime per coprire pareti finestrate;

a pacchetto,  apribili tramite una corda ed utilizzatissime in uffici in quanto si distinguono per una maggiore igiene. Ottime per bagni e cucine.

Anche per queste tipologie di tende esistono infinite varianti, dai tessuti rigidi o morbidi, ai colori ed alle fantasie disponibili per ogni gusto.

foto5_tende

foto6_tende

I consigli di Crea la casa

Utilizzare sempre colori tenui per le tende nelle camere da letto, per un effetto relax,  e che siano in tinta con l’arredo nel caso di camerette per i bambini. Spazio invece al bianco ed ai colori chiari per la zona giorno: più luce arriva all’interno dell’ambiente più esso risulterà spazioso ed accogliente!

foto7_tende

Per la lunghezza si ricordi che tende corte sono meno ingombranti e molto più pratiche nella manutenzione: vanno bene negli ambienti piccoli, dove c’è bisogno di aprire spesso finestre e balconi,  e per quelli dove si possono sporcare o essere sottoposte all’effetto vapore come ad esempio in cucina e in bagno. Le tende lunghe sono più adatte nelle camere da letto, nei salotti e in altre camere invece .

foto8_tende

Tende nei colori pastello, come il giallo, il salmone chiaro, il lilla,  ispirano vivacità ed effetto ancora più luminoso e caldo, mentre se cercate tende oscuranti allora dovete optare per le tinte fredde e scure.

In cucina, invece potete anche sbizzarrirvi con qualche fantasia floreale o con il “must”: i quadretti, di qualsiasi colore e dimensione!

foto9_tende

Il vostro gusto personale e le vostre scelte faranno la differenza!

Link utili:

http://www.tendaggifaro.it/

http://www.tendagginapoli.it/

http://www.federicotolino.it/

http://www.leonbert.it/

Se avete trovato l’idea che fa per voi o volete suggerirne di nuove, fatecelo sapere scrivendo a :

 info@crealacasa.it

 design@crealacasa.it

 

 

Shabby chic lo stile di arredamento del momento

Lo stile shabby chic oggi è diventato uno degli stili d’arredamento più amati: il significato letterale è “trasandato chic” cioè all’apparenza uno stile un po’ disordinato e d’antan, ma invece molto curato nei dettagli e nei colori. E’ lo stile del momento e Crea la casa ti suggerisce le idee per realizzarlo al meglio.

Lo Shabby nasce negli anni ’80 come stile di arredamento incentrato sul recupero di vecchi oggetti a cui tirare fuori quel tipico e romantico aspetto vissuto: deve il suo nome alla designer e autrice Rachel Ashwell, vera e proprio guru in materia: “Il comfort, la bellezza dell’imperfezione, il fascino degli oggetti rovinati dal tempo uniti al piacere di una vita semplice e pratica: questi sono i fondamenti di ciò che oggi conosciamo come lo stile Shabby Chic”,

shabby-chic

sono le parole con cui l’ideatrice dello stile ne ha ben descritto l’essenza. In molti pensano sia uno stile nato negli USA, ma per trovare le origini dello stile shabby chic bisogna fare qualche passo indietro perché esso si ispira principalmente ad una tecnica decorativa chiamata decapè, nata nella Francia del XVIII secolo al tempo di Luigi XV.

Lo stile shabby è uno stile di arredamento caratterizzato dai colori chiari, regala luminosità ad ogni ambiente ed infonde allo spazio circostante quel senso di armonia con la natura: il mobile ridipinto lascia intravedere il colore sottostante del legno naturale, il tempo e l’usura regalano quella patina speciale che rende ogni pezzo unico. I “segni” creati da mani esperte, come fosse il tempo ad avergliele conferite, donano quell’aspetto vissuto e trasandato e sono una firma inconfondibile di questo stile.

Quando si vuole arredare una casa in stile shabby chic si deve curare non solo il mobilio, ma anche quei complementi d’arredo come tende, tappeti, copriletto, carte da parati, lampadari ecc. che creano un’armonia nel loro insieme. Perfino i colori alle pareti sono fondamentali: tutto sembra essere messo lì per caso invece, dietro la disposizione degli oggetti, c’è un attento studio che esalta la semplicità e crea un effetto romantico e luminoso.

Oltre ad essere uno stile d’arredo, lo shabby chic è anche una filosofia del riciclo e del recupero, dove il segreto sta nel saper unire il vecchio al nuovo, mescolando sapientemente – e senza troppe precise rifiniture – la storia con il presente.

shabbych_foto1

La prima cosa da definire sono i colori: contraddistinguono questo stile quelli chiari come il beige, l’avorio, il grigio chiaro, il bianco e le tinte pastello, ma l’importante è che la tecnica con cui si ridipingono arredi e pareti non sia la pennellata liscia e a tinta unita, ma che dia l’ effetto “vissuto recuperato” con piccole crepe (esiste una speciale tecnica di pittura che le simula detta craquelè) e le tracce di vernice scrostata dal legno. Materiali di riciclo insomma o opportunamente anticati, per un risultato old-fashioned, che sia un mix tra stile provenzale, quello british e uno stile retrò.

shabbych_foto2

I materiali tipici di questo stile sono quelli il più possibile naturali: legno, pietra e cotto per le superfici, abbinati a lino, canapa e cotone naturale per i tessuti ancora meglio se prevale il bianco.

shabbych_foto3

Tra gli elementi d’arredo dello stile shabby chic ci sono i cuscini nel soggiorno/salone e in cucina oggetti, come piatti o vasi, di vari colori o a fantasie fiorate o addirittura con pizzi e merletti e utensili di latta da tenere esposti tra fiori come rose e camelie o lavanda. Le rose e i fiori in generale creano atmosfere romantiche anche quando questi sono semplicemente dipinti sulle porcellane (tazze o piatti).

shabbych_foto4

Sono i dettagli che in un ambiente fanno la differenza e questa regola vale per qualsiasi stile: in un ambiente shabby chic è indicato per esempio creare un piccolo angolo per la coltivazione delle piante aromatiche, oppure disporre una bella cesta di frutta o di uova fresche sulla credenza, o sistemare piccoli mazzi di fiori di campo e il tocco retrò è assicurato!

shabbych_foto5

I vari ambienti della casa possono trasformarsi completamente secondo lo stile shabby chic, o semplicemente accoglierne qualche dettaglio, a seconda dei nostri gusti. Crea la casa ti suggerisce qualche idea, ma l’importante è coglierne l’essenza e trasferirla alla propria casa attraverso la personale interpretazione di ciascuno.

shabbych_foto6

Il soggiorno può avere un’aria shabby chic appendendo alle pareti quadri dal tema bucolico: fiori, frutta, paesaggi, e addirittura, se avete la vena artistica, potete anche dipingere un’intera parete con un murales a tema; anche i vecchi mobili da giardino in ferro battuto possono essere riciclati per gli interni: quindi spazio a vecchie tavole, tavolini e sedie. Se avete un divano tradizionale, invece, potete rivestirlo con un tessuto con una delicata fantasia floreale, possibilmente dall’effetto usato, oppure con un tessuto grezzo bianco: completatelo con una grande quantità di cuscini in percalle, pizzo, frange fatte all’uncinetto. Su tavoli e tavolini, mensole o consolle non devono mancare vecchie cornici d’argento, con le foto della vostra famiglia.

shabbych_foto7

Il bagno è la stanza prediletta per chi ama lo stile shabby chic: ispiratevi all’art decò oppure all’interno di un faro, arredate questa stanza quasi come fosse un piccolo salotto privato, con uno specchio retrò, una vasca da bagno con i piedini, stampe antiche di marine e, se lo spazio lo consente, una poltroncina in stoffa chiara o di ferro battuto e una specchiera piena di vasetti per le creme.

shabbych_foto8

La cucina in stile Shabby chic è fatta di un mix di pezzi vintage, mobili funzionali più tanti accessori decorativi, da appendere alle pareti o da mettere sui vari ripiani. Se siete in possesso di un vecchio servizio di piatti in porcellana, mettetelo in bella mostra in una credenza dagli sportelli a vetro, mentre non possono mancare tovaglie e centrini di pizzo. Per l’illuminazione calda e accogliente di ogni momento di condivisione, utilizzate un lampadario in ferro battuto, più la luce di tante candele. Alle pareti ancora stampe floreali dai toni chiari, vecchie insegne di pub o bistrot, ma se avete ereditato qualche vecchio merletto delle nonne, il massimo è incorniciarlo ed appenderlo! Completate con vasi bianchi o in vetro ricolmi di fiori freschi di campo.

shabbych_foto9

La camera da letto è dominata da un bel letto con la testata ricavata da una vecchia porta in legno o un’anta in ferro battuto ma non solo: qualsiasi oggetto originale e, soprattutto, riciclato da una vecchia casa, può diventare una perfetta decorazione in stile Shabby Chic per la testata del letto. La coperta perfetta per un letto di questo tipo è il tipico copriletto patchwork, magari realizzato che con la vecchia biancheria stampata. Perfetto anche un tessuto matelassè o una trapunta ricamata a mano acquistata in un mercatino dell’usato. Da posizionare ai piedi del letto, una bella cassapanca per la biancheria, ricoperta di cuscini: infatti i cuscini, in grande quantità, non devono mancare nella vostra camera da letto! Per l’arredo, evitate i mobili coordinati e optate per pezzi diversi da accostare in armonia: un antico comò da bagno come comodino, o un vecchio armadio di metallo, verniciato in colori pastello… adesso sta a voi sbizzarrire la propria immaginazione!

shabbych_foto10

Link utili…

…per le ispirazioni shabby chic…

www.arredamentoshabby.it

www.arredamentoprovenzale.net

…e per gli acquisti…

 www.etsy.com

 www.faggianis.it

 www.langolodiprovenza.it

 www.labacheca-arredamenti.it

 www.maisonsdumonde.com/

Se avete trovato l’idea che fa per voi o volete suggerirne di nuove, fatecelo sapere scrivendo a :

 info@crealacasa.it

 design@crealacasa.it

Primavera arredare la casa con i fiori e le piante.

Quale periodo é più adatto della primavera per dare un tocco in più di allegria e colore agli ambienti della tua casa? Per farlo non serve cambiare l’arredo o ritinteggiare le pareti ma può anche bastare arredarla con i fiori che danno vivacità, colore e profumo.

Vediamo in che modo e con quante idee originali che portino la Primavera in casa!

  1. Chi l’ha detto che i fiori devono stare in vasi appoggiati su qualche mobile o tavolo? Un’idea carina e originale potrebbe essere quella di appendere al soffitto vasi con i fiori adatti che diano l’effetto “pioggia” e diano così colore a tutto l’ambiente, rendendosi visibili appena si entra senza risultare ingombranti.d4_foto1Le piante più adatte a tale scopo, per dimensioni e struttura di crescita, sono petunie, begonie, felci, margherite, gerani, edera e lavanda.
  2. Se invece preferite vasi appoggiati puntate all’originalità dei vasi stessi. Vasi in vetro colorato o vasi di ceramica con annessi sottovasi in tinta. Oppure senza spendere soldi, potrete avere comunque un bell’effetto cercando di utilizzare quello che avete in casa e adeguarlo a vaso: i barattoli di vetro della marmellata o se avete barattoli di latta potreste dipingerli a vostro gradimento o rivestirli con della carta colorata. Oppure ancora tagliate a metà le bottiglie di plastica trasparenti e rivestitele con della carta da regalo o, lasciatele trasparenti, e mettete dentro l’acqua pietre di vetro colorate.d4_foto2Si può pensare di utilizzare come vasi anche ciò che altrimenti sarebbe buttato via, come i vasetti dello yogurt: ne esistono di diverse dimensioni. E allora perché non decorarli con vernici spray tinta unita o utilizzando degli stencil? I classici vasetti di terracotta, poi, possono trovare una nuova immagine semplicemente ricoprendoli con della passamaneria.
  3. Se invece non avete il pollice verde e la pazienza o il tempo per curare le piante, allora i rami fioriti come quello del pesco, possono essere la soluzione che fa per voi, dando comunque un’aria sofisticata alla casa. Bastano quattro o cinque lunghi rami in un vaso colorato o trasparente anche a terra ed il gioco e fatto.
  4. Inutile negarlo, le piante grasse sono quelle che hanno bisogno di meno cure e che durano per più tempo, allora perché non dare libero sfogo alla fantasia utilizzando proprio queste piantine ? Abbiamo bisogno di piccoli vasi: potrebbe per esempio capitare di avere a casa una tazza da the che non utilizziamo mai, mentre potrebbe diventare un originale contenitore.d4_foto4
  5. Altre idee molto originali per creare dei vasi con quello che abbiamo in casa:

Vecchi libri rovinati e illeggibili; ovviamente si deve trattare di un volume con un bel numero di pagine e con copertina rigida: basta aprirlo alle prime pagine, ritagliando tutte le altre tanto da creare un foro, e rivestendo l’interno con un foglio di plastica (in modo da evitare di rovinare il resto del libro con acqua e terra) : così avrete creato un alloggio ideale per piantine per lo più grasse, che necessitano bisogno di poca acqua;

d4_foto5

cesti di legno, casse per la frutta, pallet,  se dipinti sono vasi perfetti per composizioni di fiori.  I pallet possono essere posti in verticale, agganciati ad una parete, magari un parapetto del vostro terrazzo, e se tra parete e pallet ponete piante con crescita a cascata l’effetto sarà davvero bello, il pallet si noterà appena e otterrete una vera parete verde;

d4_foto6

d4_foto7

altra idea carina ed economica, potrebbe essere quella di utilizzare come vasi, i sacchetti di juta del caffè o del riso, costituiti tra l’altro da materiali riciclati e biodegradabili.

Anche i sacchetti di carta colorati, in tinta con il vostro arredamento e facili da cambiare quando volete, possono fungere da coprivaso  per un tocco allegro e informale;

d4_foto8

d4_foto9

– infine, perché no, anche una vecchia borsa che non usate più può fare da contenitore per fiori o piante…

Se avete trovato l’idea che fa per voi o volete suggerirne di nuove, scrivete a :

info@crealacasa.it

design@crealacasa.it

 

Tendenze etniche nell’arredamento

Sappiamo bene che le case dove abitiamo, il più delle volte, rispecchiano la nostra personalità e pertanto la scelta dell’arredo ideale e confacente ai nostri gusti è molto complessa: dal moderno al classico ci sono mille soluzioni, ma anche l’etnico è una scelta che può soddisfare

Quando scegliamo quest’ultimo andiamo alla ricerca di qualcosa che sia originale e che al tempo stesso rimandi a terre lontane che, magari, ci riportano alla mente i viaggi che abbiamo o vorremmo fare.

Si deve dare quindi spazio a colori caldi e accoglienti, ma con fantasie che richiamino quei “mondi” come, ad esempio, fantasie zebrate o dei tessuti più utilizzati nei costumi locali.

Gli arredi dovranno quindi riprendere i materiali naturali presenti negli ambienti dei luoghi che vogliamo ricreare, come legno o  bambù o comunque realizzati con fibre vegetali, oggetti ed elementi che si possono trovare a prezzi vantaggiosi e facilmente online o in giro tra i vari mercatini che esistono in Italia.

La scelta dei colori delle pareti  è fondamentale anche per questo stile: in genere i colori caldi come rosso, arancione, marrone e giallo ocra ci riportano alle calde terre dell’Africa mentre le tonalità di azzurro e verde o colori più chiari come il beige e il crema sono adatti per uno stile orientale.

Il tutto non risulterà completo se non c’è la cura ai dettagli come  tappeti, foulard, lampade e vasi per piante e fiori: non possono ovviamente mancare in questi ambienti i bastoncini profumati, da bruciare nell’apposito porta incenso o particolari porta candele, che aiutano a creare l’atmosfera giusta.

Se si ha una casa già arredata in stile moderno, ma si vuole dare un tocco di etnico, si possono aggiungere questi particolari etnici che daranno magari più calore all’ambiente, creando una fusione tra due diversi stili che può dare un risultato molto elegante!

 Qualche idea di arredamento dal mondo

Ovviamente ogni paese ha una propria storia, cultura e relativo stile diversi. Elenchiamo di seguito le caratteristiche principali degli stili dei diversi paesi:

arredo_giapp

Giappone: l’arredamento si basa sull’equilibrio e l’armonia.

Componente d’arredo molto in voga e che arriva dal Giappone è il futon. È un materasso arrotolabile che quindi al mattino viene piegato e riposto per liberare lo spazio, visto che in Giappone  spesso  lo spazio all’interno delle case è limitato. Altro elemento caratterizzante la cultura Giapponese è il tatami: una pavimentazione composta da pannelli dalla forma rettangolare lavorati con giunchi e carta di riso. I  divisori di ambienti in carta di riso semitrasparente, i tavolini bassi ed i cuscini per consumare una bevanda o un pranzo sono altre idee che pure provengono dalle tradizionali dimore nipponiche. Qualche pianta di bambù e vasi di ceramica raku (una tipica tecnica utilizzato per la cottura del vasellame), assieme a cartigli con i tipici esercizi di scrittura di ideogrammi a pennello, completeranno l’arredo, ma non dimenticate che il filo conduttore del vostro progetto dovrà essere l’assoluto minimalismo.

 arredo_cina

Cina: chi non conosce le fantasie ed i decori floreali tipici dei tessuti in seta di questo paese? Oltre ovviamente ai vasi di porcellana, alle lacche – tipico prodotto naturale con cui si rivestono mobili ed oggetti, conferendo loro un tipico aspetto cinese, ma anche statuette di giada. Inoltre, non dimentichiamo che il feng shui è proprio originario della Cina: disciplina nata per ottenere il raggiungimento del benessere psico-fisico e che si basa sugli influssi delle energie positive e negative che ci circondano

(leggi su Crea la Casa Il FENG SHUI e la tua casa).

arredo_africa

Africa: Tipici dell’Africa sono gli arredi in legno e gli oggetti lavorati a mano di colore naturale o dipinti con colori sgargianti e tinte accese; o ancora sedie molto originali realizzati con fibre naturali, canne di bambù con cuscini di tessuto. Da integrare con oggetti quali lampade, maschere tribali e quadri suggestivi di tramonti africani e scene di vita naturale dai colori caldi e accesi, porta incensi e paraventi.

arredo_esterni

E per l’esterno? Lo stile etnico è molto versatile e adatto agli spazi esterni inserendo bambù per i mobili da giardino, sedute in vimini o in legno: il tutto potrà essere arricchito con amache e chaise longue  e non potrà mancare almeno un bonsai per richiamare un’atmosfera orientale o , se si ha la possibilità e lo spazio sufficiente, creare un giardino zen con sabbia, sassi, piccole rocce, un laghetto artificiale o un piccolo ponte giapponese riuscirete a creare un effetto orientale, chic e sicuramente esclusivo.

Puoi trovare quello che fa per te:

Online…

www.maisonsdumonde.com

www.arteraku.it

www.etnicoutlet.it

http://www.giallosun.it

 …e a Napoli

Centro Bio Edile  www.centrobioedile.com

Vico Belledonne a Chiaia 3, Napoli, tel. 081-410206

Madamaluna www.madamaluna.it

Via G. Verdi 1, Napoli, tel- 081-407091, fax 081-5524688

Cartavelina www.cartavelina.com

Via A. Scarlatti 34, Napoli, tel.081.5783211

Per info e consulenze sull’argomento, contattaci agli indirizzi:

info@crealacasa.it

design@crealacasa.it

Le nuove tendenze del design: dove cercare ispirazione.

Non possiamo certo non parlare di tendenze del design in  un momento come questo in cui, come fu riportato in un articolo del “24ORE” di qualche tempo fa:

“…La rinascita economica di una nazione si costruisce sulla sua eredità culturale. E se il Paese in questione è l’Italia, allora si è avvantaggiati in partenza. La marcia in più, figlia di una cultura intrisa di ogni forma d’arte è «il Design (con la “d” maiuscola ndr), che si rivela centrale alla ripartenza dell’industria nel mondo e per il quale il Paese gode di grande credibilità a livello globale». Parola di Chris Anderson, direttore di Wired US e guru dell’innovazione di fama internazionale…”

 In un’ Italia che oggi è in trepidante attesa dell’inizio dell’EXPO Milano 2015:  il tema di quest’anno è “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”, ma anche nel settore design e arredo si lavora per farsi trovare pronti: si va dagli utensili per la preparazione del cibo alle cucine, passando per tavoli e sedie oltre al fatto che, naturalmente, molte opportunità derivano dall’organizzazione stessa della manifestazione. A partire dall’arredamento delle strutture ricettive.

Sul web esistono tanti siti di design che sono sia vetrine di designer italiani e non, che negozi online dove si possono facilmente trovare prodotti di ogni genere presenti sul mercato e farsi un’idea delle tendenze più attuali.

Tra i vari siti esistenti vogliamo segnalarvi alcuni che abbiamo personalmente sperimentato:

http://www.modaedesign.com

http://www.made.com/it

http://www.lovethesign.com

http://www.desainer.it

Su molti siti  possibile acquistare qualsiasi tipo di prodotto dopo averne consultato materiali e  le schede tecniche; è possibile anche visionare le anteprime dei prodotti con i colori ed i materiali scelti prima di procedere all’ordine.

http://www.archiproducts.com/it

è una utilissima galleria di prodotti per capire quali sono più di tendenza o quali si adattano meglio alle nostre esigenze ed  ai nostri gusti per poi poter contattare direttamente il fornitore.

http://www.archilovers.com/

è un sito dal quale si possono catturare idee, visionare progetti realizzati ed anche venire a conoscenza di un gran numero di architetti, consultare i loro progetti e le loro caratteristiche e contattarli in privato!

http://www.lanciatrendvisions.com/it/

interessante web magazine di riferimento per la ricerca, la promozione e la diffusione di nuove idee, ispirazioni e nuovi talenti. Stilisti, designer, architetti, fotografi e artisti collaborano attivamente e in modo diretto, proponendo anticipazioni esclusive sui nuovi progetti creativi, interviste e analisi.

Consultate questi link per trovare nuove fonti di ispirazione e realizzare i sogni per la vostra casa!

Per info e consulenze sull’argomento, contattaci agli indirizzi:

info@crealacasa.it

design@crealacasa.it

Gli Arredi per esterni e giardini: come orientarsi.

Per rendere un giardino uno spazio armonioso e piacevole, tale da costituire un tutt’uno con lo spazio e l’arredo interno (utilizzando gli stessi colori o le stesse forme), o renderlo uno spazio  a parte che stacchi completamente da tutto il resto, basta veramente poco. Chiaramente arredare un giardino o uno spazio esterno comporta delle spese aggiuntive che restano sempre secondarie rispetto all’arredamento degli interni.

Per prima cosa si deve saper decidere quali piante o fiori siano giusti per lo spazio che abbiamo a disposizione in quanto possono variare sia la quantità di luce che arriva durante il giorno che ovviamente le dimensioni e capire anche quali siano giuste per la nostra persona e le nostre abitudini  dedicargli delle attenzioni quali eliminare la polvere dalle foglie, concimare adeguatamente il terriccio, curare con attenzione le innaffiature, potare, eliminare gli eventuali parassiti e molto altro ancora….

Dopo aver dato una bella ripulita allo spazio aperto che si intende arredare, sarebbe utile mettere su carta qualche idea di come lo si vorrebbe organizzare, in base al materiale che già si possiede e completando lo schema con una lista di ciò che potrebbe andare aggiunto, tenendo presente:

– se occorre creare delle barriere visive perfette tra una proprietà e l’altra;

– il tipo di piante giuste in base al clima dominante. Per abbellire il giardino è consigliabile coltivare un misto di piante da fiore come le rose, i tulipani, i garofani, i gladioli, le dalie, le peonie, gli iris, i mughetti , i ranuncoli, la lavanda per dare colore e allegria all’ambiente; inoltre potrai utilizzare i fiori recisi per abbellire anche l’interno della tua casa. Certo anche qualche albero non guasterebbe: piccoli alberi da frutto come limoni, mandarini o albicocchi ma, in mancanza dello spazio necessario, qualche rampicante può andare bene: l’edera (che offre almeno 10 specie diverse!) si presta bene a questo scopo, non richiede una crescita regolare, ma si adatta alla superficie su cui cresce, purché quest’ultima sia esposta a Nord. In autunno, poi, la vite americana, con il suo caratteristico colore rosso crea uno scenario davvero suggestivo;

– cercare il giusto equilibrio tra prato e pavimentazione. Ad esempio, invece di pavimentare del tutto il proprio giardino, si potrebbe pensare di creare un percorso con delle mattonelle che ci porta per alla zona pranzo/ relax, o ad una piscina. Le mattonelle in cotto o le piastrelle in ardesia sono ideali per gli spazi esterni in quanto trattengono lo sporco e proteggono l’arredo esterno dal contatto diretto con la terra;

– eventuale presenza di piscina, per cui è consigliabile l’esclusione di alberi nelle immediate vicinanze;

E’ da tener presente che l’arredo esterno ed anche le coperture devono essere assolutamente amovibili e MAI fissate in modo definitivo al pavimento in quanto non concesso dal Regolamento edilizio del Comune di Napoli o comunque solo previo rilascio di autorizzazione a farlo.

Per gli arredi è ovviamente preferibile il legno (soprattutto il teak): è resistente agli agenti atmosferici, ma richiede molta manutenzione nel tempo. Durante l’inverno è consigliabile coprire gli arredi con un telo per protezione. In alternativa ci sono le strutture di plastica o polietilene che sono più economiche.

Ancora l’arredo in vimini o in ferro battuto, che comunque è molto delicato ma duraturo nel tempo e facile da pulire: anche questo deve essere ricoperto di cere particolari per proteggerlo dagli agenti atmosferici o contro la ruggine e di inverno deve essere assolutamente spostato in luogo chiuso in quanto molto leggero.

Si deve inoltre tener presente che rivestendo una zona con doghe in legno sovrapposte o sopraelevate rispetto al pavimento esistente si può incorrere in problemi di infiltrazione di acqua che penetra tra le doghe e, ristagnando sul pavimento sottostante, può portare problemi di infiltrazioni nella nostra abitazione o ancor di più in quella sottostante quando c’è.

Tutto deve essere integrato con un’illuminazione adeguata al nostro spazio, illuminando per esempio con luci basse il percorso quando c’è o la zona pranzo o zone che riteniamo strategiche per far risaltare il nostro arredamento.

A questo punto, entra in gioco la vostra fantasia e il proprio gusto: tenuti presente gli elementi sopra citati, infatti, sarà solo vostra la scelta su come arredare lo spazio esterno alla casa, quali colori scegliere, che orientamento dare agli elementi e quale atmosfera creare. Le offerte sul mercato sono molteplici e rispondono a tutte le più disparate richieste ed esigenze.

Ecco qualche suggerimento su dove trovare tutto ciò che occorre per gli arredi esterni, per le piante e per tutte le tue idee su come abbellire lo spazio esterno della tua casa:

ERCOLEGNO, Via San Benedetto Cozzolino, 70, 80056 Ercolano

www.leroymerlin.it

www.ikea.it

www.scaramuzzamodo.it

www.arredogiardinigellinna.com

www.luxurygarden.it

www.maisonsdumonde.com/IT/it

Per una piscina:

www.italpoolpiscine.com

Per le piante:

  • a Napoli

O Fiore Mio, Via Nocerelle 42, S. Antonio Abate (Na) www.facebook.com/pages/O-FIORE-MIO/342282595948276

www.lerosediposillipo.it

www.vivaitropica.com

www.meraflor.it

www.bakker-it.com

www.ingegnoli.it

Per trovare illuminazione di tutti i tipi e di tutte le marche:

www.gruppomegawatt.it/

Qualche sito utile:

www.giardinaggio.net

www.unquadratodigiardino.it

www.guidagiardino.com

Tutti i mesi in edicola:

www.cairoeditore.it/Gardenia

In libreria:

  • Il grande libro del giardino, di Fausta Mainardi Fazio, De Vecchi Editore, amazon.it
  • Lezioni di giardinaggio planetario, di Lorenza Zambon, Ponte alle Grazie Ed., lafeltrinelli.it
  • Il libro illustrato del giardino, di Vita Sackville-West, Elliot Ed., ibs.it
  • Angoli relax in giardino. Le piante, gli arbusti fioriti, gli arredi, di Rosa Wolf , Red Edizioni, ibs.it

Per avere un consiglio da un architetto scrivici o inviaci la foto del tuo giardino/terrazzo per un’idea di arredo.

Per info e consulenze sull’argomento, contattaci agli indirizzi:

info@crealacasa.it

design@crealacasa.it

Ti è piaciuto il nostro articolo? Bene, allora condividilo sui tuoi social!