Come progettare il bagno ideale: qualche idea a portata di mano

Come- progettare- il- bagno- ideale

Per progettare un bagno si deve cercare di sfruttare al massimo tutti gli spazi facendo in modo che essi restino comunque fruibili e funzionali, senza dover rinunciare alle proprie idee e con soluzioni a portata di mano per tutti. Una volta per progettare un bagno bastava solo scegliere il colore delle piastrelle e lo stile dei sanitari, ma oggi l’offerta di forme e materiali è così varia da rendere la scelta molto più complessa e vicina alle proprie idee.

La prima regola, comunque, è sempre quella di sfruttare in modo ottimale lo spazio a disposizione trasformando il bagno ideale in una vera e propria zona relax dove ristorarsi dopo una giornata di impegni frenetici, come se si entrasse in una SPA.

Soprattutto quando  gli spazi sono piccoli  l’idea migliore è di cercare di sfruttare lo spazio sotto il lavabo con mobili chiusi con ante o con cassetti; inoltre si può pensare di utilizzare l’ingombro dello specchio (se non abbiamo la possibilità di inserire mobili a colonna con ante affianco lo specchio) con un contenitore che abbia sull’anta uno specchio, quindi posto centrato rispetto al lavabo.

Si deve tener sempre presente che l’ingombro del wc e del bidet compresi gli spazi laterali che devono restare vuoti per riuscire ad utilizzarli senza problemi deve essere di 120 cm e non meno: per questo, la comodità dei pezzi igienici sospesi sta nel riuscire a tener pulito il pavimento senza troppi problemi, ma non dobbiamo assolutamente sottovalutare il montaggio dei pezzi sospesi.

Essi devono essere accuratamente montati su staffe a muro oppure, al momento della ristrutturazione dell’appartamento, si devono già predisporre le pareti su cui andranno fissati i pezzi sospesi.

Resta inoltre da considerare che se il nostro bagno è stretto gli arredi ed i pezzi igienici dovranno essere posti tutti su di un’unica parete e si devono scegliere arredi meno profondi e snelli: per riuscire ad avere wc e bidet di fronte al lavabo e quest’ultimo centrato rispetto ai pezzi di fronte il nostro bagno non dovrà essere più stretto di 160cm.

Una volta rispettati questi parametri fondamentali, è possibile indugiare in qualche lusso che renda più accogliente il proprio bagno ideale:

La scelta del materiale è fondamentale: oltre alla tradizionale ceramica,  tra i materiali a disposizione per il bagno oggii il mercato offre il Cristalplant o il Corian, un mix di resine e materie prime naturali che sono piacevolissimi al tatto, molto resistenti e perfino facili da pulire. Questa scelta consente di aggiungere all’ambiente quel tocco naturale e da SPA pur rimanendo a casa propria!

a3bagno_foto5

Il piatto doccia ideale oggi è a filo, cioè senza nessun dislivello con il pavimento e di taglia bella grande. Intorno, sono perfette le trasparenti e leggere pareti di cristallo e si può completare con un sistema di luci predisposte per la cromoterapia: i positivi influssi su mente e corpo sono innegabili e una bella doccia accompagnata da colori distensivi è in grado di distendere i nervi, dare energia e positività, rinvigorire fisico e mente.

a3bagno_foto6

 La vasca, che un tempo era lunga e stretta e dedicata ad una sosta veloce, oggi è considerata un angolo di relax al pari del proprio divano preferito! Potete sceglierla della forma che meglio si adatta alle vostre esigenze e completarla con materiali ricercati ed importanti. Se avete spazio, sceglietela con un largo bordo dove poggiare candele e diffusori per le essenze, in maniera da rendere più intimo l’ambiente.

a3bagno_foto7

I rubinetti oggi sono oggetti di design, ma al tempo stesso offrono l’opportunità di non sprecare nemmeno una goccia, favorendo il risparmio idrico: per lavabo e bidet invece, esistono i miscelatori appositamente pensati a tale scopo, permettendo di risparmiare fino al 50 per cento di acqua.

a3bagno_foto8

Il vecchio calorifero non va più di moda, ma si rinnova attraverso radiatori dalle forme accattivanti e funzionali al tempo stesso: c’è l’imbarazzo della scelta.

a3bagno_foto9

 

Per chi ama ascoltare musica di qualità per accompagnare il relax, esistono soluzioni molto interessanti, come ad esempio uno specchio dotato di lettore mp3, ma anche vasche da bagno più lussuose che contengono addirittura una tv .

Che cosa si può chiedere di più per il proprio bagno ideale?

Ecco dove trovare ispirazione…

bagnidalmondo.com

…mentre il materiale lo trovate qui…

marascocasa.it

mercatoneuno.com

iperceramica.it

idrosanitarivomero.com

habitare-casa.

Per info e consulenze sull’argomento, contattaci agli indirizzi:

info@crealacasa.it

lifestyle@crealacasa.it

Il FENG SHUI e la tua casa

Ecco un argomento che invita a considerare l’abitare come una ricerca della sintonia con l’ambiente che ci circonda e ad uno stile di vita più sano e vicino alle nostre esigenze. Progettare e arredare una casa secondo il feng shui è un modo nuovo per vivere i propri spazi secondo un pieno orientamento al benessere interiore e del corpo.

feng shui

Nonostante le lontane origini di questa complessa disciplina, giunta a noi dalla Cina nel secolo scorso, oggi essa è stata adattata allo stile di vita moderno ed è orientata ad armonizzare gli ambienti interni ed esterni, affinché chi abita la casa ne tragga vitalità, energie positive e serenità: pensare ad una casa feng shui significa ottimizzare gli ambienti per raggiungere una alta qualità della vita di chi li occupa.

Ma come si applicano gli antichi principi del feng shui alle abitazioni moderne?
Il giusto approccio per la progettazione di una casa secondo le regole del feng shui è dato da una analisi precedente l’intervento, atta ad individuare le aspettative, abitudini, attitudini e stile di vita di chi deve abitare gli spazi in questione. Contemporaneamente, poi, è importante anche esplorare i fattori esterni ed ambientali quali orientamento, posizione del sole, presenza di corsi d’acqua o rilievi, pendenza del terreno su cui sorge lo stabile, posizione dell’accesso.

Lo studio di questi fattori e la sinergia che tra essi si crea, serve proprio a progettare una soluzione spaziale in cui l’energia positiva fluisca con armonia, apportando agli stessi vitalità e benessere. E’ chiaro che la progettazione in nome delle esigenze di chi abita la casa e il suo rapporto con la natura e lo spazio circostante offre un valore aggiunto al lavoro dell’architetto che, oltre a sviluppare un’idea a misura d’uomo contraria al puro aspetto materiale, garantisce un pieno appagamento del moderno abitare.

In una casa già esistente, quindi, si possono fare degli interventi mirati che possano influire su chi la abita in maniera più che positiva: cambiare colore ad una parete, inserire un angolo verde, intervenendo sulla disposizione dei mobili già basta per ottenere un piccolo miglioramento, l’importante è cominciare sempre da quegli ambienti dove l’inquilino trascorre maggior tempo durante la giornata.

Ecco qualche esempio pratico. In generale, scegliete sempre forme regolari: quadrati e rettangoli , da preferire a triangoli o cerchi.  La porta d’ingresso é come la bocca nel corpo umano e possibilmente, non deve essere di fronte a specchi, bagni , muri ad angoli o colonne. Il suo colore dipende dalla posizione: rosso a sud, blu a nord, verde ad est e bianco ad ovest. In un salone il divano deve essere rivolto verso la porta d’entrata, per dare sensazione d’accoglienza e ospitalità e posto vicino ad una parete, per offrire un senso di protezione. In camera da letto il letto non deve essere posizionato con i piedi in direzione della porta –  perché la porta deve essere lontana dallo sguardo mentre si cerca di prendere sonno – e deve avere un muro dietro la testiera. Il bagno deve essere ordinato ed essenziale, con il minor numero di oggetti o piante.

Fondamentale l’uso dei colori delle pareti: in salotto vanno bene il rosso o l’arancione per facilitare la conversazione in famiglia o tra gli amici; in camera da letto si può scegliere tra blu e verde per agevolare il relax e il sonno, oppure rosa per accendere romanticismo e la passione. In cucina il giallo carico stimola l’appetito e la circolazione dell’energia; i corridoi, in genere lunghi e stretti, vanno colorati di bianco e illuminati.

Come per la medicina cinese, anche per il feng shui vale il principio secondo il quale attivando flussi energetici positivi si può migliorare il benessere psicofisico alla base: per ottenere risultati, ovviamente, consigliamo di affidarsi ad esperti del settore che abbiano una conoscenza profonda della disciplina.

Ecco qualche titolo di pubblicazioni per saperne di più…

– Feng shui. Impostare la propria casa e la propria esistenza sui principi orientali dell’armonia, di Quian Jie, L’Airone Editrice Roma, su www.ibs.it ;

– Space clearing. 168 tecniche di feng shui per eliminare il disordine dalla tua casa e dalle tue emozioni, di Lilian Too, Il Punto d’Incontro Editore, su www.ibs.it ;

– Apartment therapy. Come portare equilibrio, salute e benessere nei propri spazi, di M. Gillingham-Ryan  K. Prando, Il Punto d’Incontro Editore, su www.amazon.it ;

– Feng shui. L’arte di creare ambienti accoglienti e salutari, di G. Sator, Red Edizioni, su www.lafeltrinelli.it

…e ancora…qualche indirizzo utile…

www.fengshui.it

www.mondofengshui.com

www.creativefengshui.it

Per info e consulenze sull’argomento, contattaci agli indirizzi:

info@crealacasa.it

lifestyle@crealacasa.it